fbpx

GURU JOBS BLOG POST - 04/07/2019

Consigli per la corretta gestione del personale

La selezione del personale è il vero motore alla base del successo di un’organizzazione. Ma come individuare in fase di selezione un potenziale campione da un potenziale creatore di problemi? Scopriamolo insieme.

In questo articolo

Le fasi della selezione del personale

La selezione del personale si compone di diverse fasi, che possono variare a seconda delle esigenze e delle caratteristiche dell’organizzazione. Ripercorriamone brevemente le fasi.

1) La definizione del profilo. Delineare le caratteristiche e le competenze che il tuo candidato ideale deve possedere per svolgere al meglio il ruolo richiesto. Il profilo deve essere chiaro, preciso e coerente con gli obiettivi e la cultura dell’organizzazione;

2) La ricerca dei candidati. Diffondere l’offerta di lavoro attraverso i canali più appropriati, come i siti web, i social network, le agenzie di selezione, i centri per l’impiego. L’obiettivo è quello di attrarre il maggior numero possibile di candidati qualificati e interessati alla posizione. In questa fase sarà fondamentale la definizione di una job description appropriata e la scelta dei canali più idonei per la specifica ricerca, per ridurre i costi ed i tempi del processo (in Guru Jobs offriamo un innovativo servizio che unisce marketing e ricerca tradizionale volta a garantire questo risultato, Guru Ads);

3) La valutazione dei candidati. Verificare le competenze, le abitudini lavorative e le aspettative dei candidati attraverso strumenti come il curriculum vitae, la lettera di presentazione, il colloquio, i questionari psicoattitudinali, le prove pratiche. Selezionare i candidati più idonei e conformi al profilo ricercato richiede l’adozione di un metodo capace di fornire valutazioni soggettive anche sui tratti più difficili da analizzare in sede di colloquio, come le attitudini, di cui parleremo nei prossimi paragrafi;

4) La scelta finale. Confrontare i candidati valutati e scegliere coloro che meglio rispondono alle esigenze dell’organizzazione. La scelta finale deve essere basata su criteri oggettivi e trasparenti.  In questa fase, sarà fondamentale la tempestività della comunicazione al collaboratore scelto: con tutte le probabilità sarà in ricerca attiva, e potrebbe ricevere offerte da aziende competitor.

Il costo della non qualità nella selezione del personale

La qualità deve accompagnare ciascuna delle fase della selezione. L’utilizzo di strumenti oggettivi si rende quindi ‘obbligatorio’, poiché queste fasi rappresentano l’unica finestra temporale in cui è possibile abbattere i costi della “non-qualità”, derivanti all’inserimento di persone sbagliate in azienda. Abbiamo per questo adottato un sistema fondato su due pilastri fondamentali

1. La selezione è continua. Mentre l’80% ritiene che essere sempre in selezione comporti un costo maggiore rispetto singole ricerche nel momento di maggiore bisogno, il 20% delle aziende in maggiore crescita hanno visto un’espansione senza precedenti adottando questo metodo. La selezione del personale in emergenza comporta infatti costi maggiori ed aumenta il rischio di selezionare la persona errata, che sfoceranno infine in ulteriori perdite derivanti dall’errato inserimento;

2. Valutazione delle attitudini dei candidati. Aldilà delle competenze, ogni ruolo richiede specifiche attitudini atte a garantire il successo della risorsa (ne parliamo più approfonditamente nel nostro articolo dedicato), fondamentali nella prevenzione dei costi della non qualità, fin dalla fase di selezione del personale. Ma come fare? La nostra risposta è la piattaforma Guru Jobs, l’unica in grado di valutare le dieci soft-skills più importanti del potenziale collaboratore per posizione ricercata, internazionalmente riconosciuto con validità .75 su 1 (coefficiente di validità più alto al mondo).

I vantaggi di un software di selezione

La selezione del personale è quindi un processo complesso e delicato, che richiede tempo, risorse e competenze specifiche. Per facilitare e ottimizzare questo processo, è possibile utilizzare un software per la selezione del personale, ovvero un programma informatico che automatizza e semplifica alcune delle fasi della selezione. Ciò può comportare molti vantaggi, vediamo quali.

1. Riduzione dei costi. Un software per la selezione del personale permette di risparmiare sui costi e le commissioni legate alla ricerca, alla valutazione e alla gestione dei candidati, grazie alla digitalizzazione e all’integrazione dei dati e dei processi;

2. L’aumento della velocità del processo di selezione. Un software per la selezione del personale permette di accelerare i tempi della selezione, grazie alla possibilità di filtrare rapidamente i candidati in base ai requisiti richiesti, di inviare comunicazioni automatiche e di monitorare lo stato delle candidature;

3. Il miglioramento della qualità. Un software per la selezione del personale permette di migliorare la qualità della selezione, grazie alla possibilità di valutare in modo più accurato e oggettivo le competenze e le attitudini dei candidati, di ridurre gli errori umani e i bias cognitivi, ed aumentare la soddisfazione delle risorse assunte attraverso la creazione di programmi di crescita personalizzati;

4. L’ottimizzazione delle risorse. Un software per la selezione del personale permette di ottimizzare le risorse umane coinvolte nella selezione, grazie alla possibilità di delegare alcune attività al software e di concentrarsi su quelle più strategiche e creative.

Come scegliere il software per la selezione del personale più adatto

Esistono diversi tipi di software per la selezione del personale, che offrono funzionalità diverse a seconda delle esigenze e delle dimensioni dell’organizzazione. Alcuni dei criteri da considerare per scegliere il software più adatto sono ovviamente la flessibilità, sicurezza, facilità d’utilizzo e il rapporto qualità-prezzo. Possiamo sinteticamente suddividerli in:

1. ATS (Applicant Tracking System). Software che permette di gestire il processo di reclutamento e selezione dei candidati, dalla pubblicazione dell’annuncio alla scelta finale. Un ATS consente di organizzare e monitorare le candidature, filtrare i curriculum in base ai requisiti, inviare comunicazioni automatiche, programmare i colloqui e generare report e statistiche;

2. Questionario attitudinale. Strumento che permette di valutare le caratteristiche psicologiche e comportamentali dei candidati, come la personalità, le motivazioni, le preferenze e le attitudini lavorative. Un questionario attitudinale consente di misurare le soft skill dei candidati, ovvero quelle competenze trasversali che riguardano le capacità relazionali, comunicative, emotive e creative (approfondiamo questo argomento nell’articolo dedicato);

3. Guru Jobs. La nostra piattaforma, che combina le funzionalità di un ATS con quelle di un questionario attitudinale, offrendo una soluzione integrata per la selezione del personale. Guru Jobs permette di intervistare automaticamente tutti i candidati attraverso un questionario attitudinale validato negli Stati Uniti, che misura le principali componenti del successo professionale della persona. Guru Jobs fornisce poi una classifica dei migliori profili da colloquiare, in base alla compatibilità con il ruolo e l’organizzazione, affiancandoti una project manager per garantire il successo del tuo processo di selezione.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Guru Jobs Srl, P.IVA 03890601200
Via Don Francesco Pasti 48,
Argelato (BO), 40050
Cap. Sociale 50000 euro Registro delle Imprese di Bologna n. 553982

Formazione

HR Academy

Risorse

Blog

Social

© Guru Jobs Srl | 2024

Torna in alto